Powered by Video Live  
You-Videolive
Cerca video:
RSSRSS

Elenco video di

Anche TU Videolive!
Anche TU Videolive

Realizza i tuoi video!
MODALITA' APERTA O
MODALITA' PROTETTA


Quando tornare ad aprire posizioni long sul mercato

A meno che non si sia dei professionisti del trading è meglio non operare. Almeno al momento. A consigliarlo è Gianvito D'Angelo, trader professionista e coach. Infatti, come lui stesso sottolinea, il vero guadagno in caso di volatilità molto alta è non operare. Anche perchè, per precauzione, si dovrebbe lavorare su quantità talmente piccole che, paradossalmente, sarebbe meglio stare fermi. Si tratta di una situazione particolarmente complicata quanto rara. Infatti, D'angelo ricorda solo altri due casi simili: il crollo delle Torri Gemelle e il crac di Lehman Brothers. La cosa più preoccupante, però, è quanto sta avvenendo a livello sociale. Infatti in Borsa si può, bene o male, stare fermi per limitare il danno, diverso, invece, quanto sta accadendo al di fuori dei mercati. Ad ogni modo, a chi volesse comunque operare in Borsa e soprattutto sapere quando tornare a farlo, D'Angelo suggerisce uno strumento molto utile per capire quando ritornare sul mercato. Intervista a cura di Rossana Prezioso

Autore: Gianvito D\'Angelo, Rossana Prezioso
Fonte: TraderLink VideoAnalisi
Data: 09/03/2020
Durata: 05:02

Come governare il caos sui mercati, il parere di Pietro Origlia

Intervista di Rossana Prezioso

Autore: Pietro Origlia, Rossana Prezioso
Fonte: TraderLink VideoAnalisi
Data: 09/03/2020
Durata: 05:21

Cosa sta accadendo sull'indice italiano

Cosa sta accadendo sull'indice italiano oggi? A rispondere è Antonio Landolfi trader master di Trading Room Academy. Dopo la decisone improvvisa della Fed, decisione che però, a ben guardare era comunque nell'aria, il mercato si è sentito rasserenato dal fatto che le banche centrali sono senza dubbio presenti e sull'attenti, pronte a scattare per fronteggiare questa crisi che diventerà ovviamente anche economica. Da un altro lato, invece, si è sentito spaventato perchè la sorpresa stessa, oltre all'entità del taglio, è stato un fattore che ha indirettamente confermato la presenza di possibili elementi negativi in arrivo. Conseguenza: il crollo visto ieri sugli indici Usa. Ma si è trattato di una reazione limitata alla seduta di martedì. Da sottolineare, dice ancora Landolfi, anche il trend dell'S

Autore: Antonio Landolfi, Rossana Prezioso
Fonte: TraderLink VideoAnalisi
Data: 04/03/2020
Durata: 03:32

Cosa aspettarsi nei prossimi mesi sui mercati

Le medie mobili del ciclo annuale/biennale sono state rotte con violenza. A evidenziarlo è Paola Migliorino, analista dei mercati. Questo significa che il target successivo del ciclo annuale che si sta chiudendo in questi giorni, ci impone di capire quale potrà essere la posizione da assumere nelle prossime settimane. La domanda a questo punto è: quando e come si fermerà questo ciclo annuale, compiendo il suo minimo? Di grande aiuto possono essere, a questo punto, i grafici e in particolare quelli che riguardano la struttura ciclica di medio-lungo periodo. Infatti ci si trova alla chiusura della prima fase annuale del biennio partito a cavallo del 2018-2019. Ua prima fase annuale che, continua la Migliorino, avrebbe anche toccato la sua area target di minimo che in questo momento è indicata tra 21mila punti e 20.500. Attualmente, pur essendoci molto avvicinati a questo target di minimo, non si esclude nei prossimi giorni un ritorno di test su questi livelli di minimo toccati. Intervista a cura di Rossana Prezioso

Autore: Rossana Prezioso, Paola Migliorino
Fonte: TraderLink VideoAnalisi
Data: 03/03/2020
Durata: 07:34

Oro in calo, ma la tendenza resta rialzista

La settimana è stata particolarmente pesante per i mercati finanziari. Il motivo lo spiega Carlo Vallotto, esperto di materie prime e metalli preziosi, che sottolinea il comportamento particolare dell'oro. Infatti inizialmente le quotazioni del metallo giallo avevano raggiunti nuovi massimi, per poi scendere successivamente. Infatti tecnicamente ci si era avvicinati a 1.700 dollari per oncia con un'apertura addirittura in gap rialzista che ha permesso di capire come ci fosse una fortissima domanda da parte degli investitori. Domanda che nasceva dall'ovvia esigenza di vedere tutelato il proprio portafoglio, proprio con l'oro, bene rifugio per eccellenza. Lo stesso oro, adesso, invece, continua a scendere dai massimi anche se, è bene specificare, la tendenza resta rialzista. Intervista a cura di Rossana Prezioso

Autore: Carlo Vallotto, Rossana Prezioso
Fonte: TraderLink VideoAnalisi
Data: 28/02/2020
Durata: 04:00

Un titolo in evidenza nel caos dei mercati

Tra i titoli da evidenziare, secondo Antonio Landolfi trader master di Trading Room Academy, continua ad esserci Telecom, già protagonista dell'interesse dell'esperto anche nei giorni scorsi. Adesso, però, nel tornado che ha coinvolto i listini mondiali, si sta ulteriormente distinguendo. Per quanto riguarda invece il nostro futures, continua Landolfi, ci si è avvicinati sensibilmente all'obiettivo importantissimo di medio, compreso tra 22.500 e 22.250 punti. Qui, in particolar modo, deve assolutamente tentare di reagire. La reazione, però, per essere veramente importante dovrà riportare il futures almeno oltre i 23.700 punti e poi al di sopra dell'area di gap dei 24.050 punti. Per adesso siamo lontani, ma allo stesso tempo è anche possibile sottolineare che il nostro futures non deve tornare sotto sia dei 23mila ma ancora di più della fascia dei 22.800 punti. Intervista a cura di Rossana Prezioso

Autore: Antonio Landolfi, Rossana Prezioso
Fonte: TraderLink VideoAnalisi
Data: 26/02/2020
Durata: 03:00

Momento delicato sui mercati

In tarda mattinata, dopo un'apertura in positivo che ha permesso a chi era ingabbiato, di uscire ad un prezzo ragionevole, il Ftse Mib ha virato in territorio negativo. Quello che sorprende, stando alle dichiarazioni di Pietro Di Lorenzo ideatore di SOS Trader e di tutti gli eventi Investing, è che le vendite sono generalizzate, il che fa comprendere che non è solo un settore ad essere sotto pressione. Non solo, ma ieri, continua Di Lorenzo, nel giro di poco più di 5 ore si è bruciato tutto il guadagno del 2020. In altre parole la dimostrazione del classico detto: il mercato sale per le scale e scende per l'ascensore. Adesso la domanda è: cosa fare? La risposta, per Di Lorenzo è: dipende dal tipo di investitore. Infatti se si ha una predisposizione al trading intraday è l'occasione per sfruttare i movimenti impulsivi che si stanno evidenziando già dai grafici e che perciò rappresentano dei fenomeni interessanti. Video Intervista a Pietro di Lorenzo a cura di Rossana Prezioso

Autore: Pietro Di Lorenzo, Rossana Prezioso
Fonte: TraderLink VideoAnalisi
Data: 25/02/2020
Durata: 03:32

Precedenti 1 2 3 4 5 Successivi
© 2020 Traderlink Italia Srl   -   Cookie
Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. OK